Innocenzi


23. Il selfie col fagiano 2

La caccia, l’allevamento di visioni e gli animalisti sono i temi della quinta puntata di Animali come noi.

Incredibile ma vero, quello dei visoni è un mercato in crescita e, nell’allevamento veneto visitato dalla giornalista Giulia Innocenzi, gli animali vivono in gabbie di lusso circondate da un impianto di sicurezza antianimalisti. A proposito di animalisti, vederli fuori dalla Fiera della caccia di Vicenza – richiusi in una gabbia di transenne – a urlare a chi entra cose come sto muso de merda maniaci depravati brutto come la morte cornuto quella troia di tua madre ti fai le seghe con le nostre foto hai rubato lo scopino del cesso per mettertelo in testa fa un effetto triste di possibilità mancata.

Per quanto riguarda i cacciatori, per me rappresentano una categoria incomprensibile. Oggi, intendo. Se vivessimo nell’epoca precedente la rivoluzione agricola del Neolitico, è chiaro che capirei. È chiaro che direi a Gianpazienza: “Caro, stamane raccoglierò per te i più pregiati vegetali spontanei, ma tu portami della saporita selvaggina ché abbiamo appena scoperto il fuoco e non vedo l’ora di fare un barbecue insieme all’amica G.” Ah, oggi si caccia per divertimento, per immergersi nella natura? Ma i cacciatori non potrebbero divertirsi in altro modo, per esempio facendo una gita nei boschi con i loro cani e imbracciando un binocolo, anziché il fucile, quando vedono un animale? O una macchina fotografica? Dai, va bene pure un cellulare, per tentare il famoso selfie col fagiano.


22. Non sembra essere cambiato nulla

Al centro della quarta puntata di Animali come noi c’è un Macello all’italiana, ossia la vicenda Italcarni di Ghedi (in provincia di Brescia), sequestrato nel 2015 dalla procura, che ha filmato ciò che succedeva all’interno dello stabilimento. Da qui un processo per maltrattamenti sugli animali (mucche a terra trascinate alla linea di macellazione con catene e muletto) e carne contaminata (venduta con carica batterica 50 volte superiore a quella legale), che si è chiuso nel febbraio 2017 con quattro patteggiamenti (l’amministratore del macello e tre dipendenti) e due condanne (i veterinari dell’Ats).

Gli aspetti più sorprendenti, a mio parere, sono tre:

  1. Il sindaco di Ghedi è il cognato del proprietario di Italcarni, che ha la convenzione con il comune; il comune non ha mai chiesto la documentazione sul caso né messo in discussione la convenzione;
  2. Dopo lo scandalo non sembra essere cambiato nulla: il macello ha riaperto con il nuovo nome Adm ed è gestito dalla moglie e dalla mamma dell’ex amministratore di Italcarni; i veterinari condannati lavorano ancora per l’Ats;
  3. L’unica che ci ha rimesso è la veterinaria che ha denunciato le illegalità, che ha ricevuto un provvedimento disciplinare dell’Ats per danno di immagine.

Sulla sofferenza animale e i rischi per la salute umana, che dire? Sorprendono?


21. Latte e lenticchie

Sorella mucca è il titolo della terza puntata di Animali come noi.

Le immagini e le voci raccolte da un infiltrato in tre allevamenti di vacche da latte in provincia di Brescia offrono, tra l’altro, le seguenti informazioni: la razza Frisona è quella scelta perché più produttiva (ma il suo latte è più povero di proteine e grassi); l’inseminazione artificiale avviene circa una volta all’anno, quando la mucca inizia a esaurire il latte del parto precedente; le malattie sono frequenti, così come l’uso di medicinali; la spedizione al macello si effettua dopo tre o quattro parti o quando l’animale, sfinito, non riesce più ad alzarsi.

Seguono, nella puntata, le visite della giornalista Giulia Innocenzi ad allevamenti super tecnologici, sul modello americano, che – tra macchinari innovativi e progressi in campo genetico – riescono ad ottenere anche 40 litri di latte al giorno da una vacca (contro i 10/15 di una volta).

E ancora, c’è l’intervista al professor Franco Berrino, che afferma che i latticini non fanno bene, ma che non bisogna essere ideologici, e c’è il confronto finale con lo chef Gianfranco Vissani.

Largo spazio è dedicato a una famiglia vegana, che mangia polenta, lenticchie e spinaci e sembra essere felice. Una famiglia grande e impegnata, con figli sani e animali salvati. Due però:

1. Nella loro campagna di sensibilizzazione, i toni sono spesso in bilico tra l’accusa e l’offesa;

2. Natale è solo tra vegani: nessun posto a tavola per gli affetti che hanno una dieta diversa dalla loro.