fidanzato


Un missile di auguri e baci

Metto un piede a scuola e il mio freddo risveglio, là sui monti, si scioglie in una sorprendente, dolcissima festosità. Per capire cosa vuol dire, bisogna compiere 31 anni in una classe di nani alpini.

Qualche minuto dopo le 8, i ragazzini mi mollano sulle scale e corrono in aula. Eh no, è vietatissimo correre per le scale! Poi urlano Te profe non entrare! e mi sbattono – letteralmente – la porta in faccia. La porta in faccia! E te a chi, a me? Insomma. Resto fuori col gemello Emme Frangia, incaricato di intrattenermi. Ha freddo profe?, mi chiede guardando la sciarpa e il berretto. Poi sorride di un sorriso malizioso: Ci vorrebbe qui Gianluca che la scalderebbe eh? Non c’è niente da fare. Che sia un omino alto come Gian Burrasca o un omone in formato aspirante meccanico, la malizia a scuola non è mai accompagnata dal congiuntivo.
Finalmente entro. Nella penombra (si sono dimenticati di accendere la luce), intravedo le bestiole in piedi, alcune battono le mani, altre alzano fogli con una lettera ciascuno, a formare (in teoria) Auguri Profe! A me viene un po’ da piangere e moltissimo da ridere.

20

Sulla cattedra, una bella scatola rossa infiocchettata… Ma è la scatola delle meraviglie! Dentro, biglietti e pacchettini, coriandoli e dolcetti. Prima però, la caccia alla chiave. Profeee! Per aprire i regali, prima deve trovare la chiavetta! (altro…)

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Un giorno importante

Quali sono stati gli avvenimenti più importanti, le giornate da ricordare, per i compari d’Annette?
14Innanzitutto, quando ho ricevuto il sacramento della Comunione e della Cresima: una cosa stupenda, non stavo più nella pelle, mi sudavano le mani. Poi il primo giorno di scuola media: l’entrata fu bellissima, dall’agitazione non ho nemmeno mangiato la merendina ma alla fine preferivo le elementari perché si incominciava alle otto e mezza non alle otto in punto. E ancora, l’arrivo del cucciolotto o batuffolo o migliore amico a quattro zampe, insomma quello che fa sempre “bau bau!” e che non abbandoneremo mai! Infine (e questa è la mia parte preferita), quando mi sono fidanzata con Giorgio, cioè quando gli ho chiesto alla mia amica se gli chiedeva se io gli interessavo a lui ed lui ha risposto di sì, io con tantissima felicità ci siamo fidanzati e da qual giorno siamo ancora insieme da quattro mesi e mezzo. Oppure quando mi sono perdutamente innamorata di Davide G. Purtroppo, causa raggio paralizzante che la blocca, la spasimante non si è ancora dichiarata. Ma io sto meditando di far avere a Davide G. questa lettera d’amore travestita da tema, naturalmente dopo aver cancellato il passaggio secondo tutte le mie amiche è brutto però io guardo la bellezza interiore. Chi non ha problemi di raggi paralizzanti è invece il gemello Emme Cresta, che sul pullman in gita ha chiesto a una persona che mi piaceva molto: “Ti vuoi mettere con me?” Lei dopo molto tempo, per la precisione cinque minuti, ha risposto di sì! Io ero molto felice e poi sono tornato al mio posto a parlare col mio amico del campionato di calcio. (altro…)

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Chiedo dunque sono (molesto)

Questa è la storia delle domande. Delle domande rigorosamente fuori luogo.
Ora di grammatica. Tutto il nostro interesse (!) è concentrato sulla forma del nome. Radice e desinenza, genere e numero.
– Guardate l’esempio, ragazzi: “Maria Callas fu un soprano di fama mondiale”. “Soprano” è un nome maschile che indica un individuo di ses…
– Profe! Prooofe!
Mi piacciono gli interventi, segnalano che c’è partecipazione. Mi piace anche poter finire una frase, certo. Ma ancor più la partecipazione.
– Sì?
– Profe, posso salutare mia zia? Sta passando proprio qui sotto, guardi! La prego!
Quindi. Il nome, il soprano, Maria Callas… E la zia sotto la finestra. Più tardi, scopro che nell’ora di arte di solito passa il nonno e mi consolo.
Proseguiamo.
– Fate attenzione a questa frase, ragazzi. “Luciano è una guida alpina”. Vedete “guida”? È un nome femminile che però indica anche indivi…
– Profe! Prooofe! Ma a lei piace andare a pesca?
Ora, io ho smesso di questionarmi sui percorsi mentali che portano Ugo ad aprire la bocca e fare domande di questo tipo. Però mi piacerebbe tanto poter finire una frase. Oh come mi piacerebbe! (altro…)

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, ventesima settimana

Hola chica tu eres muy linda, lascia stare la mia profe coglione morto di figa, dai profe metti voto bello io lo so parlare italiano, oh profe se non mi dai il massimo in pagella ti smonto la bici, beh tanto io la sua bici l’ho già messa su eBay, io se non mi dai la sufficienza ti buco le gomme ti faccio licenziare ti denuncio, scherzo profe però sembra triste oggi, dove ha lasciato la sua luce, comunque si slacci un po’ la felpa, no non la smetto, io posso conquistare anche le donne mature… Cazzo dici vecio, guarda che il suo fidanzato viene qui e ti riempie di botte, ma profe il suo fidanzato com’è insomma, stragrosso o un nerd? Profe la prego ci porti in cortile, siamo strabravi lo giuro, ci sediamo sulle panchine e leggiamo la sua cazzo di scheda, dai profe non finisco sul tetto questa volta, dai che lei ha bisogno di un po’ di sole, comunque il tipo di prima fa il figo lo odio è il più negro dei negri e se a dirlo sono io che sono negro si deve fidare, no non so cosa vuol dire buzzurro, va bene va bene vado a cercare il significato, scialla profe… Vecio, bella, domani bruciamo, oh ma il cilum chi lo porta, vecio ti slamo la testa, tua mamma figa, oooh ma basta picchiarsi gnari, mi avete rotto il cazzo se volete picchiarvi fatelo sul serio porca puttana, ma profe prendono per il culo mio papà, dicono che fa il parcheggiatore di cammelli, profe mi ha perdonato o no, lo so lo so, anche a me non è piaciuto che ho copiato, l’ho fatto solo perché avevo fretta mica per imbrogliarla, sì abbiamo capito che giorno è lunedì, se è così importante come ricorrenza mi farò una raspa per ricordarmelo… Ahahah profe, che faccia, però non si fa così eh, non si torna a casa alle 6 di mattina se si lavora alle 8 e non è che magari ha un po’ di acidità di stomaco, a noi può dirlo, profe lei non ha trent’anni, a noi può dirlo, profe lo sa che la mia tipa uscente si chiama come lei, è bella fess eh, ma chiii, sono stragentile io, no non fa questa scuola, comunque non parliamo mai di scuola che ho paura di sembrare un coglione, ma profe dove la porto la tipa, profe me lo dica lei, lo so che avete gli stessi gusti, avete lo stesso nome e lo giuro anche gli stessi gusti, profe guarda che anche i poeti si fanno le canne per poetizzare, profe allora ti porto un regalo, oh leccaculo di merda sborati… Ciao profe, che carina, tvtb!

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, quanti quesiti

Profe, è proprio sicura di avere 30 anni? Senza figli alla sua età… Non è che il suo fidanzato è un po’ frocio? Lei si faceva le canne da giovane? Ma se non è poi così vecchia, perché non vuole uscire con me? Profe, ha capito o no che l’ultima volta che abbiamo fatto i compiti a casa eravamo in terza media? Oh veci, pensate anche voi che tra la profe e il ciccione sta nascendo qualcosa? Eh profe sei stramatta, non vorrai mica farci ascoltare la canzone di un frocio? Vero che sono per me i cuori sul suo vestito? A me vai a sederti non lo dice nessuno, neanche te profe, okk? No, non so che cazzo significa e comunque non me ne frega un cazzo però parliamo della sua camicia, gliel’ha regalata sua nonna? E lo sa che esistono le lampade? Insomma, pensa anche lei che diventeremo grandi amici?

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici sono dappertutto 2

Profe ma era con sua sorella o con un’amica che le assomiglia venerdì pomeriggio, profe l’ho vista col suo fidanzato ieri in centro, profe cosa faceva sabato al mercato, profe l’ho vista che entrava dal panettiere stamattina alle 7 ma forse non era lei, profe ha la Panda vero l’ho vista ferma al semaforo, profe lo dica, domenica era al parco e aveva un cappotto rosso, profe forse l’ho vista in stazione  forse al cinema forse in discoteca, e io invece so che strada fa in bici per venire a scuola, la vedo sempre dall’autobus… Ebbene sì, gli aspiranti meccanici sono dappertutto!

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, settima settimana

Io voglio fare il lottatore io il calciatore io il milionario io non voglio fare un cazzo, oh gnari silenzio chi risponde al posto mio è un figlio di puttana, lo giuro sulla testa della profe… Guardate oggi poi che carina tutta in viola sembra un folletto, zitto cavallo di figa che hai gli zoccoli di ghiaccio, e tu zattera di merda ce l’hai piccolo, oh profe si giri che devo picchiarlo… Ahahah, cos’era quella profe, una minaccia, ma oggi lei è più nera di me! Frega un cazzo della storia, pensa che mi servirà in officina, perché invece non parliamo del suo weekend? Ci spieghi se sabato sera prende la balla, se le piace di più la banana o la salamina, se anche il suo fidanzato lo fa lavorare così tanto… Eh profe?

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter