bici


Tra la sveglia e Petrarca, i papaveri

L’altra mattina, dopo una notte di sonno breve, non volevo credere alla sveglia, alla scuola da raggiungere, alla lunga giornata davanti a me. Allora in auto ho fatto il gioco delle osservazioni. Che sarebbe: guardarsi intorno e registrare ciò che si vede, rasserenarsi spostando l’attenzione su altro da sé.
Giro la chiave, pronti, via!auto osservatriceUomo orientale seduto sopra lattine imballate, di fronte al portone chiuso dell’università. Attende. Il suo camion delle consegne è parcheggiato ad occupare quasi interamente il vicolo.
Omini arancioni già al lavoro, dentro il cantiere che blocca l’accesso alla piazza. Ma quante settimane ci vogliono per riparare una tubatura saltata? (altro…)

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, ultima settimana 2

Buongiorno profe oggi sembri proprio uno spaventapasseri, ma dove le trovi poi quelle cazzo di camicette, dai ti porto a fare shopping io, ma chiii tamarro profe, te sei fusa… Hey boy, hey brother, bella vecio, profe figa guardi che spalle, che addominali, guardi che roba, è tutto per lei eh, no no niente da fare con la tipa ma tanto era una sgorbia e gli ho detto che ero già impegnato con la profe, però dai firmami la giustifica che devo uscire prima, devo beccarmi col mio socio nell’altra scuola per picchiare il cinese figlio di puttana, tranqua profe non mi sono fatto male, va bene lo prometto, non farò più le capriole in aria in classe… Vecio, prima eri un po’ italiano ma ora sei proprio un albanese vero, cazzo vuoi te che sei uno stranegro, profe la scimmia ora le prende, sempre ad alzare le mani voi, perché tu stronzo preferisci alzarmi l’uccello, ho capito tu sei un frocio e vuoi il cazzo lungo e negro, no vecio io voglio la figa di tua sorella e io mi scopo tua mamma e io ti schiaccio il pisello e io te lo metto nel culo… Per forza profe che siamo buzzurri, stiamo in un ghetto noi, comunque lei è giovane dentro, ma no, non è che fuori è vecchia, è che fuori vuol fare la grande e invece lei è come noi, ahahahah profe cosa ho detto, non spalanchi gli occhi! Si vede però che è stanca, che il suo fidanzato non la fa dormire la notte, ma lo sa che cosa gli faccio io se lo vedo eh, e lo sa che la vita è come una scaletta del pollaio, corta e piena di merda, e che la verginità è come una briciola di pane, arriva un uccello e se la porta via… Profe io quest’estate vado a lavorare, io torno al mio Paese e se mi girano i coioni rimango là, io vado in piscina, io vado in palestra, io vado dove ci sono le fighe, io mi drogo, io non faccio un cazzo, te non fai mai un cazzo sfigato handicappato sacco di merda… Oh profe ti prego dimmelo, sarò bocciato, sarò bocciato, sarò bocciato? Profe ma le mancheremo un po’, lo giuro che lei mi mancherà, lo giuro che mi sono affezionato, comunque oggi è l’ultimo giorno e lei va casa senza bici o almeno senza sella, insomma profe torna l’anno prossimo, torna l’anno prossimo, torna l’anno prossimo? Perché io profe (pausa)… Io profe l’anno prossimo (sorrisetto)… L’anno prossimo io avrò (occhiolino)… Ancora più muscoli (bicipite in mostra)… Figa profe ci pensi (sorrisetto-occhiolino-bicipite in mostra)! E ora me lo dà un bacino?

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, ventesima settimana

Hola chica tu eres muy linda, lascia stare la mia profe coglione morto di figa, dai profe metti voto bello io lo so parlare italiano, oh profe se non mi dai il massimo in pagella ti smonto la bici, beh tanto io la sua bici l’ho già messa su eBay, io se non mi dai la sufficienza ti buco le gomme ti faccio licenziare ti denuncio, scherzo profe però sembra triste oggi, dove ha lasciato la sua luce, comunque si slacci un po’ la felpa, no non la smetto, io posso conquistare anche le donne mature… Cazzo dici vecio, guarda che il suo fidanzato viene qui e ti riempie di botte, ma profe il suo fidanzato com’è insomma, stragrosso o un nerd? Profe la prego ci porti in cortile, siamo strabravi lo giuro, ci sediamo sulle panchine e leggiamo la sua cazzo di scheda, dai profe non finisco sul tetto questa volta, dai che lei ha bisogno di un po’ di sole, comunque il tipo di prima fa il figo lo odio è il più negro dei negri e se a dirlo sono io che sono negro si deve fidare, no non so cosa vuol dire buzzurro, va bene va bene vado a cercare il significato, scialla profe… Vecio, bella, domani bruciamo, oh ma il cilum chi lo porta, vecio ti slamo la testa, tua mamma figa, oooh ma basta picchiarsi gnari, mi avete rotto il cazzo se volete picchiarvi fatelo sul serio porca puttana, ma profe prendono per il culo mio papà, dicono che fa il parcheggiatore di cammelli, profe mi ha perdonato o no, lo so lo so, anche a me non è piaciuto che ho copiato, l’ho fatto solo perché avevo fretta mica per imbrogliarla, sì abbiamo capito che giorno è lunedì, se è così importante come ricorrenza mi farò una raspa per ricordarmelo… Ahahah profe, che faccia, però non si fa così eh, non si torna a casa alle 6 di mattina se si lavora alle 8 e non è che magari ha un po’ di acidità di stomaco, a noi può dirlo, profe lei non ha trent’anni, a noi può dirlo, profe lo sa che la mia tipa uscente si chiama come lei, è bella fess eh, ma chiii, sono stragentile io, no non fa questa scuola, comunque non parliamo mai di scuola che ho paura di sembrare un coglione, ma profe dove la porto la tipa, profe me lo dica lei, lo so che avete gli stessi gusti, avete lo stesso nome e lo giuro anche gli stessi gusti, profe guarda che anche i poeti si fanno le canne per poetizzare, profe allora ti porto un regalo, oh leccaculo di merda sborati… Ciao profe, che carina, tvtb!

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici: ed è solo lunedì

Buongiorno profe, bacino inchino e quell’altra cosa che fa rima, ma quante robe ci ha preparato fììì si vede che lei non ha proprio un cazzo da fare la domenica, ci mancava anche la storia dell’handicappato io lo giuro che questo testo fa schifo, è il testo più schifoso che ho mai visto ma non ci può portare qualcosa di normale inchilà, fa’ sito zingaro di merda e tagliati i capelli, ma vaffanculo, tua mamma figa, ti ammazzo… Dai profe lascia stare, sì è vero che ho sputato, sì ho sputato dalla finestra ma avevo un robo in gola cazzo, dai profe si ricorda cosa le ho detto venerdì, ti amo 4ever e mica scherzavo, ma profe dimmelo, ho forse la faccia da down che mi fa lavorare coi mongoli o con gli stranieri, perché tu sei italiano coglione, no ma lui è negro, io però voglio lavorare da solo porca puttana e invece io Napoli nel mio gruppo non lo voglio, tutti ma Napoli no… Profe posso fare la verifica di recupero del recupero, profe non urli, profe dica qualcosa, wow che minacciosa così ci spaventa sa, profe cosa vuol dire spietato e crudele e senza pietà, comunque ho sentito che hanno rubato una bici giù in cortile, non so se mi spiego… Gnari, la profe non capisce più un cazzo le ho fatto girare la testa, profe io vengo a casa sua a cucinare per lei, io le faccio anche le pulizie basta che mi ricambia con tanto affetto… Profe, LA voglio bene sempre!

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, dodicesima settimana 2

Buongiorno profe come mai oggi è venuta in pigiama, comunque bella la sua bici l’abbiamo venduta stamattina, bravo albanese criminale sei proprio un paiasso, dai profe non ci credo che è arrabbiata lei è buona come una torta gelato, ma lo guardi figa si fa le canne, cazzo dici ubriacone di merda figlio di troia animale analfabeta te sei matto, e tu sei fuori sei fuso sei frocio, e te profe sei strinata ma sai almeno che cos’è un cilum? Terù terù tornatene in meridiù terù terù, dai ciccione addormenta la profe con una scoreggia, però sa che lei è proprio la mia preferita, bene ora dovrebbe dire che io sono il suo alunno preferito, perché non lo dice profe, io con lei andrei anche affanculo… Ma quando mi sposi fì?

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici sono dappertutto 2

Profe ma era con sua sorella o con un’amica che le assomiglia venerdì pomeriggio, profe l’ho vista col suo fidanzato ieri in centro, profe cosa faceva sabato al mercato, profe l’ho vista che entrava dal panettiere stamattina alle 7 ma forse non era lei, profe ha la Panda vero l’ho vista ferma al semaforo, profe lo dica, domenica era al parco e aveva un cappotto rosso, profe forse l’ho vista in stazione  forse al cinema forse in discoteca, e io invece so che strada fa in bici per venire a scuola, la vedo sempre dall’autobus… Ebbene sì, gli aspiranti meccanici sono dappertutto!

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, decima settimana

Oh veci, in Pakistan mangiano le talpe e anche i coioni di maiale, giuro che è vero, me l’ha detto un mio amico, e invece te, africano, mangiavi il cervello di scimmia nella foresta, né? Profe scusi ma gli spacco il culo a quel figlio di troia, mi ha provocato figa, oooh cellerino va a cagààà, profeee give me five! Ah, lo sa che sabato sera un mio amico ha picchiato un trans, lo sa che se lei era mia moglie avevamo già 5 figli, lo sa che se non mi accetta su fb le blocco il computer? Profe, ha degli occhi così belli che le daranno la multa, profe è sua la bici sotto la finestra che c’ho appena sputato sulla sella, profe dai mi dia un abbraccio… E stasera a che ora passo a prenderla?

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

gli aspiranti meccanici, quarta settimana

Vecio ti si vede il menello, eh ma sti negher di figa non stanno mai zitti, profe nota, mi ha chiamato negher, nota… Ciao io scappo con la profe, tua mamma figa, sì e tua mamma è la migliore, non glielo ruba nessuno il posto! Porca puttana profe lei ci fa lavorare troppo, questo mica è l’Itis, profe camomilla, profe lei è fuori, in senso buono eh, io gli voglio bene… Ma se nella pagella ho giù il comportamento le sego la bici.

CondividiEmail this to someoneShare on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter