26. E non c’è abbastanza terra


E poi e poi: qual è l’impatto sull’ambiente della produzione industriale di carne?

Secondo la Fao, un quarto delle terre non coperte di ghiacci del pianeta è usato per far pascolare il bestiame e un terzo dei terreni coltivabili per produrre cibo per alimentarlo. L’allevamento è responsabile del 14,5 per cento delle emissioni globali di gas serra, alla pari di treni, automobili, navi e aeroplani messi insieme. Ottenere un chilo di carne inoltre richiede quindicimila litri di acqua, mentre un chilo di cereali mille.

Allevare bestiame domestico, in particolare bovini, non solo mina l’equilibrio ambientale, ma addirittura mette a rischio la sopravvivenza dell’umanità. A questo proposito, mi ha colpito un articolo apparso su Internazionale (n. 1255) a firma di George Monbiot, che parte dalla seguente domanda: da dove verrà il cibo?

Premettendo che la produzione mondiale di carne è quadruplicata in cinquant’anni e che, con l’aumento dei redditi, le persone tendono a preferire le proteine animali a quelle vegetali, il giornalista inglese scrive: “Posti straordinari come le foreste pluviali del Madagascar e del Brasile vengono rasi al suolo per fare spazio ad altro bestiame. Una transazione globale al consumo di carne vuol dire sottrarre cibo ai più poveri e il collasso ecologico di quasi tutto il pianeta. Il cambiamento di dieta sarebbe difficile da sostenere anche se la popolazione umana non dovesse crescere. Ma più aumenteranno gli abitanti del pianeta, più aumenterà la fame provocata dal consumo di carne. Prendendo come riferimento il 2010, le Nazioni Unite prevedono che il consumo di carne aumenterà del 70 per cento entro il 2030 (a un ritmo tre volte superiore all’aumento della popolazione). In parte anche per questo motivo, la domanda globale di colture potrebbe raddoppiare entro il 2050 (rispetto al 2005). E non c’è abbastanza terra.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *